Nona giornata, quanti big match: tremano tanti allenatori

Caos panchina a Brescia, super derby al Partenio

nona giornata quanti big match tremano tanti allenatori
Salerno.  

Sarà una nona giornata ricca di spunti ed emozioni quella che inizierà domani sera e che terminerà con il consueto posticipo del lunedì. Detto ampiamente del big match del Partenio tra un Avellino ferito e una Salernitana a caccia della svolta, si partirà con l'anticipo dello Zaccheria: da un lato il Foggia di Stroppa, ancora a secco di vittorie interne e reduce dall'ennesima goleada subita in trasferta, dall'altro quel Perugia che sembrava destinato a lottare per la vetta e che invece ha perso tre delle ultime quattro partite, tra l'altro beccando cinque reti a domicilio contro la Pro Vercelli. Non è da escludere che un ulteriore passo falso possa far traballare la panchina di Giunti, lo stesso Stroppa ha bisogno di un successo per allontanarsi dalla zona retrocessione e restituire entusiasmo ad una piazza che si aspettava ben altro avvio di stagione dopo il mercato condotto dal ds Di Bari. Tante partite da brividi anche sabato pomeriggio. Riflettori puntati sullo "Stirpe", si affrontano Frosinone e Palermo per una sfida dal sapore di serie A e che mette a confronto le due rose più forti della categoria. I rosanero non hanno mai perso e vogliono proseguire la striscia di risultati positivi, i ciociari stentano in trasferta e dovranno assolutamente sfruttare il turno casalingo per prepararsi con serenità all'ostica trasferta di Salerno.

A rischio la panchina di Zeman, Marino verso Brescia?

Tutta da seguire anche Parma-Pescara, due delle squadre che segnano e subiscono di più. I ducali, arrabbiatissimi per i torti arbitrali di Palermo, potrebbero ritrovare Ceravolo e schiereranno una formazione decisamente a trazione anteriore, gli abruzzesi hanno stentato molto in quest'avvio di stagione e chissà che una sconfitta non possa costare la panchina a Zeman, cui idee di gioco non si sono quasi mai viste in riva all'Adriatico se non per qualche scampolo di gara. Ritorno al passato per Castori: al Cabassi c'è Carpi-Cesena e la tifoseria di casa ha preparato un'accoglienza da brividi per un allenatore che, pur non praticando mai un calcio convincente, ha scritto pagine di storia indimenticabili portando i biancorossi in serie A. Aperta a ogni tipo di pronostico Cittadella-Cremonese, Brescia-Novara chiarirà i dubbi sul futuro di Boscaglia che, in nome di un rapporto mai decollato con Cellino, potrebbe addirittura essere esonerato prima di sabato. Al suo posto uno tra Marino e Cosmi, con il primo leggermente favorito.

Chiudono il quadro della nona giornata Ascoli-Venezia (tra le difese meno battute della B), Pro Vercelli-Bari (i piemontesi sono in gran forma, i pugliesi devono iniziare a vincere fuori), Ternana-Spezia (liguri a caccia del primo gol esterno) e Virtus Entella-Empoli, con il ritorno tra i fischi di Ciccio Caputo a Chiavari. Spettacolo assicurato, quanto è bella questa serie B!