Sfilata di ex all'Arechi: Russo e Fusco felicissimi in tribuna

Merino nei distinti, anche Moro torna a Salerno per tifare granata

sfilata di ex all arechi russo e fusco felicissimi in tribuna
Salerno.  

Salernitana-Avellino ha richiamato sugli spalti non solo 15mila cuori granata e duemila biancoverdi, ma tanti ex calciatori e addetti ai lavori che non potevano certo mancare ad un appuntamento così importante e particolarmente sentito per tutti gli appassionati di calcio. Il tifoso Salvatore Clemente, amministratore della gettonatissima pagina facebook "I love Salerno e la Salernitana", è stato immortalato nei distinti con Roberto Merino, giocatore che nel lontano 2009 risultò il migliore in campo proprio contro l'Avellino contribuendo a suon di magie e giocate spettacolari alla conquista di una vittoria fondamentale in ottica salvezza e che condannò gli irpini alla retrocessione aritmetica in C1. In tribuna molto applaudito anche Davide Moro, centrocampista acquistato dal direttore sportivo Angelo Fabiani nel gennaio del 2015 e che di derby, a Salerno, ne ha vinti tanti quasi sempre da migliore in campo. Proprio in occasione di un derby (quello pareggiato per 1-1 contro la Casertana) il suo "Nessun Dorma" in uno scenario suggestivo fece rapidamente il giro del mondo emozionando anche tifoserie storicamente rivali, ma che si sono inchinate allo strapotere della torcida granata e di uno stadio che, quando vuole, le partite le sa vincere da solo. In tribuna azzurra anche due salernitani doc: Salvatore Russo (che proprio contro l'Avellino segnò l'unico gol della sua carriera con la maglia della sua città, purtroppo in uno stadio vuoto a causa delle restrizioni imposte dall'Osservatorio dopo la tragica morte dell'ispettore Raciti) e Luca Fusco, ripresi con un cellulare da parte dell'editore del giornale Popolo Sportivo Pino Noschese mentre cantavano ed esultavano insieme alla propria gente trionfando per il successo nel derby. L'ennesima manifestazione d'affetto verso il cavalluccio marino da parte di due grandi professionisti che sono entrati di diritto nella storia granata e nel cuore della gente.

Gaetano Ferraiuolo