Grana portieri: chiesto permesso per Adamonis

Riecco le Nazionali, Russo scalda i motori. Rischia anche Kiyine

grana portieri chiesto permesso per adamonis
Salerno.  

Una notizia non propriamente positiva agita il tecnico Stefano Colantuno. Neanche il tempo di registrare i notevoli progressi di una difesa che, nelle ultime tre partite, ha subito appena due reti mostrandosi sicura e concentrata come raramente era accaduto quest'anno, che per la delicatissima sfida contro il Novara potrebbe esserci una vera e propria emergenza portiere. Marius Adamonis e Boris Radunovic sono stati infatti convocati dalle rispettive nazionali e saranno impegnati tra due settimane in amichevoli di prestigio e che potrebbero permettere loro di mettersi in vetrina e scalare posizioni nelle gerarchie dei rispettivi allenatori. Praticamente certa l'assenza di Radunovic (che in questo girone di ritorno sta disputando un discreto campionato), ora toccherà alla società dovrà trovare un accordo con la federazione lituana per ottenere un permesso speciale almeno per Adamonis, proprio come accaduto in concomitanza con la trasferta di Cesena. Una situazione particolare, fastidiosa da gestire, ma messa in preventivo dalla proprietà all'inizio della stagione: non a caso si pescò nel mercato degli svincolati puntando su Stefano Russo,  dodicesimo nella stagione 2014-15 (quella della promozione) e in campo soltanto due volte in campionato, con cinque reti incassate e qualche incertezza di troppo sin dalle amichevoli precampionato. Gli addetti ai lavori e chi lo segue quotidianamente, però, assicurano che il ragazzo sia cresciuto molto in questi anni e che solo la lunga inattività potrebbe incidere negativamente.  Ad ogni modo il segretario Rodolfo De Rose è gia a lavoro e spera di risolvere la problematica: non ci riuscisse, toccherebbe al giovane Iliadis accomodarsi in panchina per rappresentare la prima ed unica alternativa a Russo. A proposito di nazionali, anche Kiyine rischia di saltare la sfida contro il Novara, altra tegola per il tecnico Colantuono.

Gaetano Ferraiuolo