Salernitana: a Frosinone senza Schiavi, chi al suo posto?

Colantuono pensa al sostituto, dubbio anche a centrocampo

salernitana a frosinone senza schiavi chi al suo posto
Salerno.  

La Salernitana continua a preparare la trasferta ciociara in un clima decisamente molto più disteso dopo le due vittorie consecutive in campionato. I granata però devono tenere alta la concentrazione, perché il Frosinone sarà il vero banco di prova di questa rinascita. Portare a casa l’intera posta in palio è sicuramente difficile, ma gli uomini di Longo avranno diverse indisponibilità importanti, quindi è giusto puntare al massimo risultato. Dal canto suo anche la Salernitana dovrà fare a meno di capitan Schiavi, appiedato dal giudice sportivo dopo il giallo rimediato nel derby. Dopo due gare, dunque, il pacchetto arretrato dei granata dovrà subire per forza di cose una leggera variazione. I candidati per sostituire il difensore metelliano sono due: Valerio Mantovani e Salvatore Monaco. Quest’ultimo, arrivato nel mercato di riparazione, nelle ultime settimane è stato declassato nelle gerarchie interne, ed in questo momento Mantovani sembra favorito. Anche perché il talento scuola Torino si è già avvicendato con Schiavi proprio nel derby, ed in quest’ottica la scelta sembra abbastanza orientata. Negli altri reparti si va verso l’applicazione della tacita legge “squadra che vince non si cambia”, ma in effetti un dubbio c’è: in cabina di regia si giocano una maglia Ricci e Signorelli. Il venezuelano potrebbe soffiare il posto all’ex Perugia, apparso un po’ sotto tono contro l’Avellino. Intanto in infermeria la situazione è pressoché immutata: Bernardini continua a fare fisioterapia, differenziato per Orlando ed Akpa Akpro, mentre Rossi potrebbe essere l’unico recuperato. L’attaccante arrivato dalla Lazio dovrebbe essere convocato per questa trasferta. Questo pomeriggio riprenderanno gli allenamenti al “Volpe” a porte chiuse, dove il tecnico romano avrà sicuramente modo di raccogliere maggiori indicazioni, l’obiettivo è non vanificare quanto di buono fatto nelle ultime settimane.

 

Simone Gallo