Mezzaroma: "Akpro resta,nostro obiettivo coinvolgere i tifosi"

VIDEO | Il patron: "Miglioreremo il settore giovanile". Sul rinnovo di Tuia...

mezzaroma akpro resta nostro obiettivo coinvolgere i tifosi
Salerno.  

Intervenuto telefonicamente durante la trasmissione "Granatissimi" in onda ogni martedì alle 21 su OttoChannel (canale 696 del digitale terrestre) il presidente della Salernitana Marco Mezzaroma ha parlato a 360* non solo della stagione che sta per concludersi e dell'immediato futuro, ma anche delle problematiche che stanno attanagliando il mondo del calcio. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Salernitana a metà classifica: giusto così?

“E’ stata una corsa a tappe molto lunga e il risultato finale rispecchia quanto fatto durante la stagione che comunque non corrisponde alle qualità della rosa allestita. Sostanzialmente però il campo ha sempre ragione e quindi la posizione è quella giusta. Ora bisogna pensare al futuro. Colantuono è una certezza, ha un contratto anche nella prossima stagione e siamo convinti che possa essere il valore aggiunto. L’ossatura della squadra è valida e proveremo sicuramente a migliorarla”.

A proposito di futuro, tiene banco la questione Tuia: la società dice di aver proposto il rinnovo. il calciatore nega...

“Se ci sono le condizioni resterà. Alessandro è con noi da tantissimo tempo e proprio per questo la società gli sarà sempre grata, ma bisogna trovare un accordo da entrambe le parti per poter proseguire questo rapporto. Stiamo parlando di un calciatore valido e di un ragazzo serio”.

Quindi nessuna rivoluzione in organico...

“Abbiamo un’ossatura valida di squadra, andrà sicuramente integrata in alcuni ruoli. La prossima settimana, con la fine della stagione, cercheremo di incontrare lo staff tecnico e il direttore per valutare quello che bisogna fare”.

Diritti tv, che caos...

“Il prodotto serie B non è scadente, anzi è molto apprezzato. Il campionato è sicuramente avvincente perché, con play off e play out, tutto si scrive nelle ultimissime giornate. Noi ci aspettiamo nella prossima fase di poter raccogliere quanto a nostro avviso il prodotto vale. Oltre ai diritti televisivi bisognerebbe rivedere anche la gestione del paracadute, quel contributo che le squadre ricevono dalla Lega di A quando retrocedono. Il campionato di B deve essere competitivo e tutti devono partire allo stesso livello. Quanto alle squadre B, qualora ci fossero i presupposti, si partirà l’anno prossimo e questa cosa è abbastanza preoccupante perché possono concorrere alla promozione in serie B. La Lega è contraria a questo principio perché il campionato cadetto è quello che maggiormente rappresenta la territorialità delle realtà calcistiche, è una decisione calata dall’alto senza che ci sia stato un percorso condiviso con tutti i soggetti in campo. Da molto tempo ahimè predico che la Federazione e le Leghe professionistico sedessero allo stesso tavolo per mettere a sistema tutta una serie di norme che stridono tra loro e che non permettono di andare avanti. Ogni Lega ha una normativa autonoma che incide sulle altre, sarebbe opportuno mettere ordine, ma non si va in questa direzione”.

Felice dell'esordio di Gaeta?

“Ho sempre detto che il settore giovanile, anche alla luce dei discorsi fatti prima, sarà oggetto di sempre maggiori investimenti e impegno da parte della Salernitana, ma di tutte le società di serie B. Apprezzo molto mister Mariani perché ho avuto modo di vedere come lavora, mi sembra che tutti gli allenatori del nostro settore giovanile puntano prima sull’educazione dei ragazzi e poi ai risultati sportivi, che comunque sono importanti per chi compete. Ogni vivaio che si rispetti debba formare il calciatore e l’uomo per poterli portare maturi in prima squadra, l’esordio di Gaeta e il fatto che altri elementi si stiano mettendo in evidenza fa ben sperare ed è sintomatico di un lavoro che sta migliorando e che deve assolutamente progredire”

Tra i "grandi" molto bene Akpro e Rosina....

“Entrambi venivano da percorsi problematici a causa di infortuni, ma nell’ultimo periodo stanno dimostrando di essere calciatori tecnicamente indiscutibili che stanno finanche migliorando. Sul piano atletico non sono stati al 100%, ma sono sicuro che già dal prossimo campionato potranno fare la differenza con la preparazione atletica estiva”.

Possibili iniziative future per i tifosi?

“Già contro il Palermo abbiamo iniziato una politica atta ad andare incontro alle esigenze del pubblico, spero che venga apprezzato lo sforzo della società che vuole coinvolgere più tifosi possibile”

Gaetano Ferraiuolo