Bari, il giorno più triste: il calcio sparisce dopo 110 anni

Si ripartirà dalla C grazie alla fusione col Bisceglie. Decaro: "Giorno triste per la città"

bari il giorno piu triste il calcio sparisce dopo 110 anni
Salerno.  

Una storia ultracentenaria giunta al capolinea. Nel giorno in cui il calcio italiano torna a scintillare con l'arrivo del pluricampione Cristiano Ronaldo, Bari precipita verso il baratro. Ieri è calato definitivamente il sipario su 110 anni di storia. Nessuna ricapitalizzazione, nonostante gli annunci e le voci di queste settimane, imprenditori che danno disponibilità e poi scompaiono. Servivano 3 milioni di euro per rilevare quasi il 70% delle quote, ma non se n'è fatto nulla. Anche se il debito, dalle indiscrezioni che circolano, ammonterebbe a circa 16 milioni. 

SI RIPARTE DALLA C

Evitata la serie D perchè la fusione con il Bisceglie consentirà di ripartire con la formula "A.S. Bari", dalla serie C. Un'escamotage per "saltare" almeno una categoria nel precipizio, ma è una magra consolazione. 

LIBERI TUTTI

Il terremoto avrà conseguenze devastanti anche sul patrimonio giocatori. Tutti infatti ora sono, di fatto, svincolati e liberi di accordarsi con altre squadre. 

IL SINDACO: "GIORNO TRISTE"

"Questo è un brutto giorno non solo per il calcio barese, ma per tutta la città. È il giorno di una sconfitta, che brucia mille volte di più di tutte le sconfitte sul campo. Ci abbiamo provato tutti a fare tutto quello che era possibile - le parole del sindaco di Bari, Antonio Decaro - . Ho provato anche io, forse andando oltre le competenze di un sindaco. L’ho fatto da responsabile di una grande comunità, l’ho fatto da cittadino e anche da tifoso. Ora però non bisogna mollare. Dobbiamo continuare con tutte le nostre forze a lavorare perché a Bari il calcio non finisca in questo pomeriggio di luglio. Non lo merita la città, non lo meritano i suoi tifosi".

Redazione Salerno